Crea sito

CETONIE E CETONIELLE

ottobre 15, 2014 by giardinodellerose

Questi due Coleotteri sono molto diffusi e assidui frequentatori delle nostre fioriture in grado di danneggiare i boccioli floreali in modo irreversibile.

Purtroppo non ci sono armi a nostra disposizione e per combatte le cetonie e cetonielle non resta che l’uso delle mani per raccoglierli ed eliminarli fisicamente mettendoli in un barattolo con alcool o acquaragia.

Alcuni suggeriscono di porre, in prossimità dei fiori da proteggere, un piccolo cartoncino di colore bianco, giallo o azzurro chiaro ricoperto di colla per uso botanico o per topi.

 

Oxythyrea funesta

Minuto e snello, dal corpo punteggiato, con livrea di colore nero o marrone scuro, maleodorante, dai riflessi bronzo-verdastri e pubescenza più o meno folta (a volte completamente assente soprattutto in individui vecchi). Pronoto con 6 macchie chiare disposte simmetricamente, rispetto alla linea divisoria, e margini laterali decorati di bianco.

Si tratta di un insetto fitofago che predilige le rose di colore chiaro forandone i petali quando non sono ancora aperti per cibarsi degli stami e gli organi floreali, imbrattando tutto il fiore con i suoi escrementi.

Compare sui fiori già all’inizio della primavera (da marzo a settembre) ed è di abitudini prettamente diurne. Quando vola emette un ronzio simile a quello di una mosca, anche l’aspetto è simile a quello di una mosca, durante il volo. Questo coleottero è un eccellente volatore, in grado di compiere rapidi cambi di direzione mentre vola.

Molto dannoso ma paradossalmente ricopre un importante ruolo di impollinatore.

La Cetonia aurata

Questo bel coleottero vola nelle giornate soleggiate di maggio, fino ad agosto, su prati e boschi alla ricerca di fiori e frutti, di cui si ciba: si cibano di fogliame, boccioli, fiori e frutti di more di rovo, lamponi, fragole, albicocche e di tutta la frutta dolce

Il suo colore sempre metallico può variare: si possono osservare esemplari verde smeraldo, verde dorato, color bronzo, color rame, viola fino, in alcuni rari casi, al blu.

Nasconde sotto il paio di ali indurite e robuste, di colore metallico (elitre) un paio di ali molto più ampio, che tiene ripiegato. Grazie alla forma particolare delle elitre, le cetonie sono gli unici coleotteri che possono volare tenendole chiuse, e spiegando solo il paio d’ali sottostanti.

Le larve della cetonia vivono nel legno imputridito, nel terreno concimato di orti e giardini, e sono di colore biancastro. Dopo un anno raggiungono la forma adulta.

Gli adulti si nutrono del nettare situato alla base di fiori, ma per raggiungerlo non esitano a masticare tutte le strutture fiorali che incontrano. Quindi i bocci vengono erosi alla base, perdendo i petali prima ancora di aprirsi, mentre i fiori già schiusi mostrano petali mangiati, stami distrutti e il centro bucherellato. Il danno è solo di tipo estetico, ma compromette totalmente la bellezza della fioritura, soprattutto in caso di attacchi gravi. Le larve invece non sono nocive: si nutrono delle sostanze in decomposizione nel terreno.

La Cetonia se disturbata emette un cattivo odore simile all’urina.

Torna a Avversità parassitarie animali delle rose

Leave a Reply