Crea sito

RAGNETTO ROSSO

ottobre 17, 2014 by giardinodellerose

NOME LATINO

Tetranychus urticae

CARATTERISTICA E DANNI

Le punture del ragnetto rosso provocano decolorazioni degli organi attaccati e anomalie nel loro regolare sviluppo. Sono inoltre visibili sottili ragnatele prodotte sulla vegetazione.
L’adulto è di piccole dimensioni, la femmina presenta una colorazione prevalentemente rossa.
Gli adulti svernano nel terreno, tra residui organici. Si sviluppano soprattutto ammassati in colonie sulla pagina inferiore delle foglie, lungo le nervature, dove compiono più generazioni all’anno.
Le uova vengono deposte in una tela prodotta dagli adulti che ricopre le foglie. Proprio questa ragnatela, visibile sotto e tra le foglie sono uno dei segni inconfondibili che ne segnalano la presenza.
Gli attacchi degli acari sono favoriti da estati calde e secche. La loro attività è dunque rallentata a temperature basse intorno ai 10 gradi e nei periodi di pioggia.
Per quanto riguarda il danno alle piante la loro attività è incentrata principalmente nel consumo di linfa a scapito del fogliame e dei fusti più teneri. L’attacco è localizzato in primis sulla pagina inferiore delle foglie, sono visibili inizialmente dei puntini bianchi che si estendono man mano con l’attività del parassita.
Le foglie presentano progressivamente delle decolorazioni dovute a perdita di pigmento e di clorofilla, ne consegue l’incapacità di fotosintesi che porta alla morte della foglia con lenta necrosi, disseccamento e distacco dalla pianta. Un attacco non controllato unitamente ad un clima favorevole può portare alla morte delle piante.

LOTTA

Per la prevenzione: il consiglio è di cercare di rendere l’ambiente circostante più umido in modo di ridurre le condizioni favorevoli al suo sviluppo; durante le sere calde d’estate nebulizzare le piante con l’acqua. Un ulteriore aiuto è fornito dall’applicazione di zolfo bagnabile che funge da repellente naturale

Per la cura: Alla prima comparsa delle bestioline trattare la pianta con prodotti a base di Etoxazolo (tipo Borneo), che agisce anche sulle uova, seguendo le istruzioni dell’etichetta del prodotto. Ripetere l’operazione dopo una settimana se necessario.

Per la lotta biologica: Esistono vari antagonisti che si nutrono del ragnetto rosso, questi insetti vengono impiegati attualmente e con grande successo in coltivazioni in pieno e campo e in serre, laddove non è preferibile l’uso di pesticidi chimici e dove il contrasto naturale ai parassiti è più redditizio.
Ecco un elenco dei maggiori entomofagi impiegati alla lotta al ragnetto rosso:
Amblyseius cucumeris
Phytoseiulus persimilis
Aeolothrips intermedius
Stethorus punctillum

Per il trattamento acaricida preventivo e il periodo in cui effettuarlo, confronta il “calendario dei lavori“.
PRODOTTI COMMERCIALI di facile reperibilità: Borneo

ATTENZIONE!

alcuni prodotti consigliati possono essere molto tossici e dannosi per la salute e per l’ambiente. Meglio quindi affidarsi, nell’uso degli stessi, ai consigli e all’intervento di un professionista del settore.

Torna a Avversità parassitarie animali delle rose

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Name (required)

Website

*